News

11 Jan 2021

 

Stipulare una polizza RC Professionale per un professionista sanitario pubblico, oltre ad essere un obbligo di legge, è prima di tutto un modo per affrontare più serenamente il proprio lavoro, senza la paura che un errore possa influire sulla vita professionale o diventare un onere economico difficile da gestire. 
Aon, broker assicurativo leader nel settore delle professioni, propone polizze che includano tutte le tutele necessarie ai Professionisti Sanitari per svolgere al meglio il loro lavoro, a condizioni particolarmente vantaggiose.


L’offerta delle polizze di AON prevede: 


•    Copertura RC per colpa grave
•    Copertura retroattiva fino a dieci anni
•    Ultrattività di dieci anni anche in seguito all’abbandono della professione
 

 

">

 

Stipulare una polizza RC Professionale per un professionista sanitario pubblico, oltre ad essere un obbligo di legge, è prima di tutto un modo per affrontare più serenamente il proprio lavoro, senza la paura che un errore possa influire sulla vita professionale o diventare un onere economico difficile da gestire. 
Aon, broker assicurativo leader nel settore delle professioni, propone polizze che includano tutte le tutele necessarie ai Professionisti Sanitari per svolgere al meglio il loro lavoro, a condizioni particolarmente vantaggiose.


L’offerta delle polizze di AON prevede: 


•    Copertura RC per colpa grave
•    Copertura retroattiva fino a dieci anni
•    Ultrattività di dieci anni anche in seguito all’abbandono della professione
 

 

08 Jan 2021

La rivalsa per le professioni sanitarie sulla base della legislazione vigente


La “Colpa Grave” è una tematica che sta catturando sempre più interesse da parte dei professionisti sanitari; è quindi utile fare un breve cenno sull’azione di rivalsa.


Innanzitutto, la struttura sanitaria condannata a risarcire un danno al paziente  può rivalersi sul medico solo in caso di dolo o colpa grave.


Se il professionista non partecipa alla procedura giudiziale iniziale, la struttura può rivalersi nei suoi confronti solo dopo aver risarcito il paziente; in ogni caso, l’azione di rivalsa deve essere esercitata entro un anno dal pagamento, pena la decadenza.


Inoltre, se il professionista non era presente al giudizio, la decisione pronunciata all’esito di quest’ultimo non può essere determinante nel giudizio di rivalsa.


Al professionista ritenuto responsabile con “colpa grave” l’organo giudicante non può richiedere un importo superiore al triplo della retribuzione lorda annua, riferita all’anno in cui si è verificato l’evento lesivo, all’anno precedente  o all’anno successivo.
 

 

">

La rivalsa per le professioni sanitarie sulla base della legislazione vigente


La “Colpa Grave” è una tematica che sta catturando sempre più interesse da parte dei professionisti sanitari; è quindi utile fare un breve cenno sull’azione di rivalsa.


Innanzitutto, la struttura sanitaria condannata a risarcire un danno al paziente  può rivalersi sul medico solo in caso di dolo o colpa grave.


Se il professionista non partecipa alla procedura giudiziale iniziale, la struttura può rivalersi nei suoi confronti solo dopo aver risarcito il paziente; in ogni caso, l’azione di rivalsa deve essere esercitata entro un anno dal pagamento, pena la decadenza.


Inoltre, se il professionista non era presente al giudizio, la decisione pronunciata all’esito di quest’ultimo non può essere determinante nel giudizio di rivalsa.


Al professionista ritenuto responsabile con “colpa grave” l’organo giudicante non può richiedere un importo superiore al triplo della retribuzione lorda annua, riferita all’anno in cui si è verificato l’evento lesivo, all’anno precedente  o all’anno successivo.
 

 

08 Jan 2021

Aon è il broker leader nel mondo nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell'intermediazione assicurativa e riassicurativa. In Italia, è consulente di 28 gruppi presenti nell'indice FTSE MIB, di oltre 8.000 piccole e medie imprese, e di oltre 700 enti e aziende della Pubblica Amministrazione.

L'esperienza unita alla competenza dei professionisti attentamente selezionati che operano quotidianamente nell'interesse dei clienti, si traducono nella capacità di offrire soluzioni ad elevato grado di specializzazione. Una specializzazione che rappresenta un asset di grande valore, in termini di ampiezza e dettaglio delle coperture, per il segmento affinity.

Aon seleziona tra le migliori compagnie assicurative del mondo il partner ideale per proporre polizze idonee alle reali esigenze dei diversi settori professionali.

....

">

Aon è il broker leader nel mondo nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell'intermediazione assicurativa e riassicurativa. In Italia, è consulente di 28 gruppi presenti nell'indice FTSE MIB, di oltre 8.000 piccole e medie imprese, e di oltre 700 enti e aziende della Pubblica Amministrazione.

L'esperienza unita alla competenza dei professionisti attentamente selezionati che operano quotidianamente nell'interesse dei clienti, si traducono nella capacità di offrire soluzioni ad elevato grado di specializzazione. Una specializzazione che rappresenta un asset di grande valore, in termini di ampiezza e dettaglio delle coperture, per il segmento affinity.

Aon seleziona tra le migliori compagnie assicurative del mondo il partner ideale per proporre polizze idonee alle reali esigenze dei diversi settori professionali.

....

06 Jul 2018

Dopo tre anni di lavoro, in data 8 marzo 2017 è stata pubblicata la Legge n.ro 24, nota anche come “Legge Gelli”, che definisce il regime di responsabilità civile per i professionisti del settore sanitario.  

Secondo la legge , la responsabilità del professionista sanitario  che non abbia rapporti diretti o contrattuali con il paziente viene qualificata come “extracontrattuale”. Questo comporta  che il paziente avrà l’onere di dimostrare la colpa del professionista coinvolto , e stabilisce il termine di prescrizione a 5 anni.

Resta, invece, “contrattuale” la responsabilità della struttura sanitaria, così come quella del professionista che abbia un rapporto diretto o contrattuale con il paziente danneggiato: ciò  implica che il termine di prescrizione sia a dieci anni e che sarà sufficiente per il paziente danneggiato provare il rapporto contrattuale diretto e il danno subito; l’onere di provare il corretto adempimento rimane in capo all’obbligato, sia esso il medico o la struttura sanitaria.

Aumenta quindi l’importanza delle assicurazioni: la polizza, resa obbligatoria sia per i medici che per le strutture, dovrà coprire un risarcimento stabilito sulla base di tabelle ministeriali, creando così un sistema standardizzato, più sicuro e rapido.

 

 

">

Dopo tre anni di lavoro, in data 8 marzo 2017 è stata pubblicata la Legge n.ro 24, nota anche come “Legge Gelli”, che definisce il regime di responsabilità civile per i professionisti del settore sanitario.  

Secondo la legge , la responsabilità del professionista sanitario  che non abbia rapporti diretti o contrattuali con il paziente viene qualificata come “extracontrattuale”. Questo comporta  che il paziente avrà l’onere di dimostrare la colpa del professionista coinvolto , e stabilisce il termine di prescrizione a 5 anni.

Resta, invece, “contrattuale” la responsabilità della struttura sanitaria, così come quella del professionista che abbia un rapporto diretto o contrattuale con il paziente danneggiato: ciò  implica che il termine di prescrizione sia a dieci anni e che sarà sufficiente per il paziente danneggiato provare il rapporto contrattuale diretto e il danno subito; l’onere di provare il corretto adempimento rimane in capo all’obbligato, sia esso il medico o la struttura sanitaria.

Aumenta quindi l’importanza delle assicurazioni: la polizza, resa obbligatoria sia per i medici che per le strutture, dovrà coprire un risarcimento stabilito sulla base di tabelle ministeriali, creando così un sistema standardizzato, più sicuro e rapido.